Giornata del Pensiero 2020 – Zona Pontina, uniti per l’inclusione e l’equità.

E’ stato bello incontrarsi, condividere passioni, spazi, uniti nella fede del Signore e riflettere sul suo grande messaggio evangelico e universale. Anche quest’anno la Giornata del Pensiero ha visto la partecipazione di tanti scout della nostra provincia;è stata una domenica straordinaria, piena di colori, suoni, musica, divertimento con momenti intesi di preghiera. Oltre 700 tra Esploratori, Guide, Scolte, Rover, Lupetti e Coccinelle della Zona Pontina e molti capi scout, hanno partecipato all’evento più importante dello scoutismo mondiale, il Thinking Day, rinnovando cosí una tradizione che risale al 1926, nata per festeggiare il compleanno di Baden Powell, fondatore del guidismo e dello scoutismo. La GDP quest’anno si è tenuta a Sezze, domenica 23 febbraio 2020, il Gruppo Sezze 1  – che tra l’altro quest’anno festeggia i suoi primi 60 anni della nascita –  ha ospitato i tanti gruppi della zona e con loro ha organizzato al meglio un evento riuscito nelle aspettative. Ragazzi e ragazze hanno passato l’intera giornata nei tre grandi parchi della città, il parco della Rimembranza, il Parco dell’Anfiteatro e quello dei Cappuccini, e in questi luoghi  ragazzi e ragazze hanno vissuto momenti intensi di gioco e partecipazione, e un’esperienza che resterà a lungo soprattutto nei più piccoli. Tante le iniziative svolte durante la giornata, diversi i momenti di ilarità e musica. E poi tutti insieme per condividere un profondo momento di preghiera dedicato a nostro Signore Gesù, grazie alla Santa Messa officiata da Don Paolo, Don Helenio, Padre Damiano, Don Paride e i diaconi Alessandro e Claudio.  Tutti i partecipanti, come da tradizione, hanno poi donato simbolicamente un ‘penny’, che quest’anno la Zona Pontina lo  devolverà alle sedi scout in Sicilia, danneggiate da brutali atti vandalici.  “Noi tutti dovremmo sapere che è la diversità che rende ricco un arazzo, e dovremmo capire che tutti i fili dell’arazzo sono uguali in valore, non importa quale sia il loro colore”. Questo il messaggio della poetessa americana Maya Angelou raccolto dai capi dell’Agesci, un messaggio di conoscenza, esplorazione del mondo e della sua diversità per incoraggiare tutti all’inclusione e all’equità.

 

Alessandro Mattei


Condividi questo post su

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>